Weekend delle Palme umido: il ‘Ciclone della colomba’ porta pioggia al centro-nord. Maltempo fino a Giovedì Santo.

La piattaforma ibriganti.net annuncia che, a partire dal crepuscolo odierno, giovedì 21 marzo, assisteremo a un decremento meteorologico parziale nel Triveneto, manifestatosi attraverso sporadiche precipitazioni. Il susseguirsi del tempo vedrà, nella giornata di venerdì 22, questi isolati acquazzoni migrare rapidamente dalle contrade centrali verso il Meridione, ove stazioneranno per un segmento della giornata. Tuttavia, sarà nel corso del weekend delle Palme che le condizioni meteorologiche si mostreranno particolarmente bizzarre, con tempeste di una certa intensità a flagellare il Settentrione nella giornata di sabato, mentre piogge si dirigeranno verso le aree centro-adriatiche nella Domenica dell’Ulivo.

La settimana che precede la Pasqua si prospetta quindi umida, con il dipanarsi di un scenario sinottico progressivamente più disordinato: si prevede l’imminente avvento del “Ciclone della colomba“, il quale, in una fase iniziale, impatterà rapidamente il centro-nord durante il fine settimana delle Palme, portando con sé precipitazioni e un’intensificazione delle correnti aeree; a partire dal lunedì pomeriggio, si assisterà a un deterioramento ulteriore del clima, con maltempo severo che perdurerà fino al giovedì santo, periodo durante il quale il “Ciclone della colomba” si attarderà sull’Italia. Sebbene questa prospettiva richieda conferme ulteriori, attualmente la Settimana Santa si prospetta notevolmente turbolenta e piovosa.

Una Pasqua compromessa? Al contrario, esaminando le proiezioni a lungo termine, emerge un quadro inaspettatamente positivo post “Ciclone della colomba“: a partire dal Venerdì Santo, si prevede l’avanzata graduale su tutta la penisola di un robusto sistema anticiclonico di matrice subtropicale. Con l’insediarsi dell’anticiclone subtropicale, l’ovetto pasquale promette di sbocciare in una luminosità abbondante, inaugurando persino le prime vere ondate di calore stagionali.